it
it en
Desalto_SDM_2019_05
Desalto_SDM_2019_06
Desalto_SDM_2019_04
Desalto_SDM_2019_07
Desalto_SDM_2019_08
Desalto_SDM_2019_02
Desalto_SDM_2019_03
Desalto_SDM_2019_01

Desalto @ Salone Internazionale del Mobile - Milano 2019

Desalto si presenta al Salone del Mobile di Milano con una nuova veste, frutto della collaborazione con lo Studio Calvi Brambilla, che per l'occasione ha dato spazio ad un esercizio di forma che trae ispirazione dalle opere di Helen Pashgian nella mostra Light Invisible del 2012.

Lo stand si compone di grandi volumi pensati come architetture leggere e semistrasparenti che all'esterno lasciano percepire le sagome dei nuovi prodotti. Leggerezza e trasparenza creano così un ambiente solo apparentemente effimero, che attira e rifrange la luce e segnala delle presenze spaziali oltre le quali l'occhio non può andare.

All'interno, su delle pedane, le novità diventano così protagoniste indiscusse, esposte in un percorso quasi museale che accompagnano il visitatore in un'esperienza sensoriale all'interno del mondo Desalto.


La collezione Desalto si arricchisce di nuovi contenuti, plurali e originali, frutto della collaborazione con designer internazionali, orchestrata e resa armonica da Gordon Guillaumier, l’art director che in un anno ha contribuito ad accrescere il dinamismo e l’energia propri di Desalto. La progettualità rigorosa di Guglielmo Poletti impiega una lamiera d’acciaio curvata, dando vita alla collezione VOID, una famiglia di tavolini, panche e console che sanno esprimere purezza di volumi, leggerezza e insieme solidità. Legno e alluminio sono invece i materiali selezionati dal designer per il tavolo MM8, che privilegia geometrie primarie sottolineate dal contrasto materico. Il design pulito e consistente di Eugeni Quitllet adotta e caratterizza il tubo in acciaio curvato, che diventa anima strutturale di STRONG:  tavolo da pranzo, sedia, tavolino e sgabello, questi ultimi pensati anche per l’outdoor.  Mario Ferrarini, con MUN, punta sulla perfezione del segno continuo e circolare per creare una sedia da pranzo coinvolgente ed empatica, che attraverso la sua linea morbida sa vivere con versatilità e immediatezza in ogni spazio. Semplicità di linee e volumetrie leggere sono la cifra espressiva del sistema di librerie STEP progettata da Nendo, capace di armonizzarsi e abbinarsi con naturalezza all’intera collezione. Dalla vocazione sperimentale dI ’Atelier Oï nasce ARIA, una poltrona quasi immateriale, dove protagonista è il tessuto tricot che, in un unico pezzo, si avvolge come una tensostruttura attorno ad un tubolare d’acciaio creando una chaise longue, comoda e confortevole. Completano i nuovi progetti della collezione Desalto le madie KAZIMIR create da Gordon Guillaumier, dove l’essenzialità e il rigore della struttura lignea prende corpo e si carica di matericità attraverso l’impiego di resine marmoree e metalliche,  che evocano volumi architettonici.    



Download Photo - High Res

Download Photo - Low Res



Art Direction: Gordon Guillaumier
Styling: Gabriella Zecca
Stand: Calvi Brambilla
Foto: Cesare Chimenti

Condividilo